banner

Dichiarazione sul Digital Divide
it
en
de
es
fr

"Trasformando Gocce di Preoccupazione in un Oceano di Cambiamento"

Le persone fisiche e giuridiche firmatarie della presente dichiarazione ritengono che lo sviluppo della Società del'Informazione debba essere un'opportunità per tutti i cittadini, per tutte le comunità e tutti i popoli del mondo, senza tener conto della razza, della posizione sociale, del credo religioso, del sesso e dell'età. Sono convinti che escludere milioni di persone dai benefici offerti dalle TIC per motivi riconducibili alla povertà, all'invalidità o a qualsiasi altra motivazione involontaria - il cosiddetto digital divide- sia ingiusto, non auspicabile ed assolutamente evitabile e che, insieme, si può avere la forza di cambiare la realtà, trasformandola in un mondo migliore. L'impegno che si assumono è quello di promuovere una campagna di sensibilizzazione e di lavorare per far si che le opportunità offerte dalle TIC siano a disposizione della democrazia, dello sviluppo sostenibile e rivolte a ridurre il divario all'interno dei paesi e tra i paesi.
I firmatari riconoscono che:

 

le TIC sono fondamentali per lo sviluppo di un' economia digitale a livello mondiale, per la creazione di posti di lavoro e in generale per migliorare la qualità di vita e le condizioni di lavoro di individui, comunità e società civile;


le TIC sono fondamentali per la democrazia, per buone pratiche di governo, per rafforzare la trasparenza, la responsabilità, la riservatezza e la partecipazione democratica da parte della società civile e di tutti i cittadini;


le TIC sono fondamentali per migliorare l'efficienza dell'amministrazione pubblica ed i servizi alle imprese ed ai cittadini sia in termini di qualità che di costo;


le TIC sono fondamentali per migliorare la fruizione, la creazione, l'accesso e il consumo di informazioni e servizi nella sanità, nell'istruzione, nella sicurezza, nella tutela dell'ambiente, a vantaggio dei popoli e delle comunità che vivono in aree povere e degradate del mondo (inclusi i paesi industrializzati);


è in atto la grande sfida di cogliere le opportunità offerte dalle tecnologie digitali ("l'opportunità digitale") ed avanzare verso il nobile obiettivo fissato dal Millennium Summit delle Nazioni Unite, che è quello di ridurre di metà la povertà nel mondo per l'anno 2015;


è improbabile che il pieno potenziale delle tecnologie digitali venga colto e realizzato in maniera spontanea attraverso le attuali forme di governance globale. Sono necessari infatti sforzi globali concertati da parte di tutti gli attori nella società focalizzati a combattere la povertà e l'esclusione;


in questa direzione si stanno facendo passi importanti, in particolare da parte di organizzazioni come la Nazioni Unite TIC Task Force e tante altre. Data l'entità della sfida tuttavia è necessario che molto di più venga fatto da parte di tutti coloro che sono interessati all'eliminazione del digital divide.

Alla luce di quanto appena menzionato, le persone fisiche e giuridiche firmatarie di questa dichiarazione, richiamano l'attenzione e si impegnano ad operare:

 

per inaugurare la nascita di un nuovo movimento sociale mondiale contro il "digital-divide", o a favore delle "'opportunità digitali per tutti", che annoveri tra i propri membri governi, organizzazioni internazionali, settore privato, settore no profit (NGO's, fondazioni, ed altre), la società civile, ed ogni organizzazione o individuo che condivida il sogno di una società dell'informazione per tutti;


per diffondere le questioni che riguardano il digital divide ed il suo nesso profondo con la sfida lanciata dal Millennium Summit delle Nazioni Unite di ridurre la povertà e l'esclusione di metà per l'anno 2015;


per assicurare l'impiego delle TIC per migliorare il flusso di informazioni ed i servizi nella sanità, nell'istruzione, nella sicurezza, a tutela dell' ambientale, ed in altri campi a beneficio di tutte le persone e le comunità che vivono nelle aree povere e degradate del mondo (comprese quelle presenti nei paesi industrializzati);


per assicurare l'uso delle TIC per migliorare la democrazia, la privacy, la sicurezza e in generale la qualità di vita e di lavoro di individui; la qualità, il costo e la trasparenza di processi e servizi; l'effettivo progresso verso uno sviluppo sostenibile;


per incoraggiare lo sviluppo, l'implementazione, la collaborazione, l'apprendimento comune; lo scambio di esperienze, programmi locali, regionali, nazionali ed internazionali; iniziative, progetti ed azioni finalizzate a favorire lo sviluppo di economie digitale inclusive nelle diverse aree del mondo;


per mantenere e promuovere questa Dichiarazione aperta alla sottoscrizione fisica o virtuale di tutte le organizzazioni e gli individui che, nelle diverse parti del mondo, condividono il sogno di una società dell'informazione per tutti, e sono pronti a lavorare insieme per eliminare il digital divide e contribuire concretamente a ridurre di metà la povertà nel mondo per l'anno 2015.

 

 

 

 

 

 

 

footerok